domenica 29 aprile 2018

WOW! DUE CANI SALVATI

La storia di due cani salvati dalla neve dopo 5 e 26 giorni
  
Dispersa cinque giorni tra la neve, a 2300 metri, a causa di una valanga e riuscita a sopravvivere grazie ad una buca che aveva scavato nella neve. Questa la disavventura di Stellina, la mascotte di Pian Benot, nel torinese, famosa per accompagnare gli scialpinisti che salgono sulla Pala Rusà.
Dopo la caduta della valanga, i padroni, gestori degli impianti, avevano provato a cercarla, ma era impossibile raggiungere la zona a piedi. La speranza non li ha però abbandonati: dopo cinque giorni sono finalmente riusciti ad individuarla con il bincolo e così hanno chiamato i vigili del fuoco, che intervenuti, l’hanno soccorsa con l’elicottero. Una visita dal veterinario, qualche coccola ed è tornata a casa. 
Ancora più incredibile la storia raccontata dal quotidiano il Giorno di un cane travolto da una slavina in provincia di Sondrio, alle pendici del monte Meriggio, e salvato dopo 26 giorni.
L’animale era insieme al padrone e ad un amico di questo, quando sono stati sorpresi da una valanga. I due umani sono riusciti a salvarsi grazie a degli alberi, del cane nessuna traccia.
Anche questa è una storia di profonda amicizia tra uomo e cane, infatti il padrone tutti i giorni dall’incidente è andato sul posto, cercandolo, finché il 26esimo ha sentito latrare. Guidato dai guaiti è arrivato nel punto dove era ancora sepolto scavando fino a liberarlo. L’animale sarebbe sopravvissuto grazie ad alcune volpi che incuriosite avrebbero scavato un varco nella neve permettendogli di non finire l’ossigeno. 


sabato 7 aprile 2018

CHIESA E IL SESSO SELVAGGIO



Notizia di oggi:

La vicenda ha origine nel 2016 in Ontario (Canada), quando monsignor Capella venne accusato dalla polizia canadese di aver utilizzato il computer della chiesa locale per scaricare e diffondere materiale pedopornografico.
Un'altra denuncia era arrivata per via diplomatica dal Governo degli Stati Uniti, dove il monsignore dal 2015 aveva prestato servizio nella Nunziatura apostolica. Anche nella capitale Usa Capella avrebbe compiuto i suoi reati.

lunedì 26 marzo 2018

domenica 18 marzo 2018

CASCATA DELLA MADONNINA


Mercoledì scorso il mio "caro Amico Andrea Sarchi è salito insieme a Matteo Piccardi Guida Alpina Istruttore, la Cascata Madonnina in cima alla val d’Avio sopra al lago Benedetto (itinerario x raggiungere il rifugio Garibaldi sotto alla parete nord dell’Adamello. 
Andrea mi ha chiesto una piccola menzione di questo soprattutto per ricordare Battistino Bonali alpinista camuno scomparso nel '93 sulla Nord dell’Huascaran.
Andrea era stato membro di una spedizione che era partita dall’Italia  per le ricerche ma che purtroppo non aveva fatto altro che recuperarne i loro poveri corpi  insieme a Giandomenico Ducoli. Battistino è noto per aver salito senza ossigeno in compagnia di Leopold Sulowsky il great couloir sulla nord dell’Everest. Inoltre è famoso per aver fatto una spettacolare discesa con gli sci dalla nord Adamello e aveva anche effettuato la prima salita della candela poi chiamata Madonnina in compagnia di Sandro Rizzieri nel 1991. Avanti coi tempi! Il Sarchi con Girardi e Nadali nel 1993 avevano
fatto una delle prime ripetizioni. 
ps: e bravo il "vecchio Sarchi"...


Battistino Bonali






sabato 17 marzo 2018

INACCETTABILE!

CIAO MARK E RYAN

Marc-Andre Leclerc e Ryan Johnson, fino all'altro ieri speravo ci faceste una sorpresa e ricompariste all'improvviso... invece ho letto che hanno trovato le vostre corde fuori da un crepaccio... Dopo una delle tue imprese patagoniche ti avevo scritto Mark e mi avevi anche risposto con delle belle parole. Facevi cose terribili ma affascinanti. Continuerò a pensarvi. Ciao Marc e Ryan... ciao



lunedì 12 marzo 2018

I MULÖTI DI PINZOLO



Londra, gli arrotini italiani della city: "Il nuovo business? Affittare coltelli"

Un business da oltre dieci milioni di sterline l'anno, poco più di undici milioni di euro. E' quello degli arrotini del Trentino che a Londra hanno il monopolio dell'affilatura dei coltelli. I primi emigrarono dalla Val Rendena, dopo la Seconda guerra mondiale. Alcuni sbarcarono a New York, la maggior parte nella capitale inglese. Il mercato si ampliò negli anni '50 e '60, tanto che i primi emigranti chiamarono parenti e amici per coprire la crescente richiesta. Fin quando il 21 febbraio del 1970 a Londra venne fondata la prima associazione del genere, la "London Grinders Association": 49 membri tutti con cognome italiano di origine trentina. Quasi cinquant'anni dopo, quell'associazione esiste ancora, portata avanti dagli eredi dei vari Collini, Nella, Povinelli, Beltrami, Ferrari, Maestri, Ambrosi, Tisi e molti altri ancora. Una storia di emigrazione e successo raccontata anche da Patrick Grassi in un libro e in un documentario dal titolo "Sharp families, tagliati per gli affari"

di Alessandro Allocca

lunedì 5 marzo 2018

CIAO PICCOLO MARCO





E' stato ritrovato nelle acque del lago di Garda Marco Boni, il 16enne scomparso il 16 febbraio scorso da Riva del Garda. Eri così Piccolo, Carino e Bravo. Ciao Bello... ciao


martedì 20 febbraio 2018

BRAVA CECILIA, BRAVA POPA!








La nostra campionessa Cecilia Maffei ha vinto la medaglia di argento alle Olimpiadi di PyeongChang 2018 nella staffetta di short track. Il quartetto azzurro composto da Arianna Fontana, Lucia Peretti, Cecilia Maffei e Martina Valcepina ha chiusa la finale al secondo posto alle spalle della Corea. Bronzo all'Olanda dopo le squalifiche di Cina e Canada. Grandissimo entusiasmo tra la popolazione di Pinzolo, e soprattutto a casa Maffei, dove l'entusiasmo è alle stelle. Complimenti Cecilia, per questa medaglia che incorona una carriera strabiliante!

il Sindaco di Pinzolo Michele Cereghini:
"Cecilia GRAZIEEEEE! E' ARGENTOOOOO! 
Hai regalato a Pinzolo la sua prima medaglia olimpica!!
La speranza di una medaglia era tanta e tu e le tue compagne l’avete soddisfatta in pieno. Hai dato tutta te stessa e ti meriti questa medaglia come il coronamento di un’intera vita!
Determinazione, impegno, serietà e 4 Olimpiadi ti hanno reso un’atleta da ammirare. Pinzolo è orgogliosa di te e mi auguro che i tanti giovani che hanno appena cominciato a calzare i pattini possano guardare a te come un esempio di serietà e di merito nello sport.
Proprio ieri, ti ho definita una “goccia nel mare”. Sei partita da Pinzolo, dove lo short track era una disciplina di nicchia, ma, grazie alla tua forza di volontà e al tuo impegno, in quel mare sei riuscita a luccicare! Hai sempre affrontato con determinazione vittorie e sconfitte, se cadevi ti rialzavi, se vincevi davi ancora di più, la fatica non ti ha scoraggiato e vederti su quel podio è la dimostrazione che, con i sacrifici, i risultati arrivano.
La tua vittoria è una grande emozione per tutta Pinzolo! GRAZIE".

lunedì 15 gennaio 2018

RICORDI...

Il rifugio ai XII Apostoli aperto nel lontano 1908 e la Vredretta di Pratofiorito negli anni 30.